Una brutta sorpresa

Fabio oltre ad essere un tipo stranissimo, è un assatanato di fighe impressionante. Per questo lo vedi sempre tutto tirato sempre in cerca di qualche ragazza disposta a concedergli una scopatina, perciò và in giro sempre attivissimo con i suoi tre telefonini, non gli telefona mai nessuno, ma lui telefona a tutti. Fabio alterna momenti di euforia ad altri di stentata apatia. Fabio è un uomo solo, con le proprie paure. C’è stato un periodo che Fabio non si vedeva più al solito bar, si vociferava che bazzicasse alcuni night club, uno in particolare il pai-pai, noto perché frequentato da trans. Lui probabilmente era l’unico all’oscuro di questo. Ieri sera lo incontro al bar, al solito bar. Strano penso, lo vedo un po’ giù di corda, seduto in disparte mentre tracanna una cerez, una sigaretta spenta appesa al labbro inferiore della bocca e una accesa in mano. E’ solo, ma parlotta e gesticola con le mani, dondola la testa come per dire eh no, no no no cazzo, proprio no! La cosa non mi piace per niente. Vado al bancone, prendo una moretti rossa e pago anche quella di Fabio. Mi siedo di fronte a lui, pare non notarmi, ma inizia a raccontare. “Senti questa Teo, l’altra sera al pai-pai incontro una sventola di bionda, sai che io con le donne non batto mai chiodo, questa dé mi si avvicina, gambe mozzafiato su cui se ne sta appollaiato un culo disegnato, tette enormi, labbra gonfie da urlo che scatenano pensieri fellaziosi. Io non lo interrompo, ma lui prende un sorso di birra e si accende una terza sigaretta. Insomma quando una tipa del genere si avvicina e mi offre da bere, a me capisci, proprio a me, uno due tre passaggi di rum, poi con accento slavo mi chiede se la posso accompagnare fuori, io dico si cazzo, quando mi ricapita una storia così. Usciamo, saliamo in macchina, la sua, una mercedes coupe interni in pelle. Appena entrati mi mette le mani fra le gambe, mi sbottona e mi lavora l’uccello con una bramosia inaudita, alla fine si ingoia tutto leccandosi anche le goccioline che gli erano schizzate sulle dita… Poi mi dice – ora fammi felice, dai bello tocca a te- e mentre dice così si alza quel quarto di gonna che già poco la copriva, ma… cazzo cazzo cazzo… cioè voglio dire che non c’era un boschetto di fragole li sotto, ma un malinteso ritto e piuttosto grosso. Manda giù un sorso di birra, aspetta un attimo con la bottiglia in mano, poi ne ribeve un sorso più lungo, stropiccia una sigaretta senza accenderla, poi me ne offre una e ne accende una per se. Cosa dovevo fare? mi chiede, dovevi dirgli grazie di tutto e congedarti, oppure dargli un pugno sul grugno, gettarlo dall’auto e andartene a tutta col suo coupe, farci un bel giro finché c’era benzina, poi abbandonarla con tutte e quattro le gomme bucate. No cazzo, non ho fatto così, non ho fatto niente di tutto questo. Sono rimasto spiazzato e, quando lei mi ha preso la testa fra le mani spingendola fra le sue gambe, non ho trovato meglio da fare che succhiarglielo… be si ho succhiato, leccato, pompato… cazzo, ma non veniva mai lo stronzo, allora l’ho morso… mi ha riempito la bocca e la gola, fanculo fanculo fanculo, ho ingoiato tutto… tutto. Dopo sono scappato via, ho raggiunto la mia macchina e quando sono salito ho vomitato anche la colazione del giorno prima. Cazzo che storia Fabio, la prima donna che rimorchi e ti tocca fargli un pompino, che storia di merda Fabio. Già Teo, già… e non so nemmeno come si chiama, si alza e si allontana, io penso stronzo almeno dimmi grazie per la birra.

Commenti

Post popolari in questo blog

Porno per lei: dove trovarlo?

Una storia eccitante